1

Ott

2018

Scopri come dare valore aggiunto all’e-commerce tradizionale!

1 ottobre 2018 | News and Industry

Le abitudini dei consumatori sono profondamente cambiate e, per stare al passo, le aziende devono adeguarsi al mutamento. Se da un lato nell’ultimo anno l’e-commerce in Italia ha registrato crescite importanti, è altrettanto vero che ci sono ancora ampi margini di miglioramento.

Per riuscire a sfruttare al meglio questa opportunità, è fondamentale essere in grado di cogliere i trend in atto e di fronteggiare l’evoluzione del mercato.

 

crescita-ecommerce

 

Parliamo di un mercato di dimensioni straordinarie, ma destinato a svilupparsi ancora.

Adottare una soluzione e-commerce, non è più sufficiente, in quanto, esternamente la dinamicità dei mercati, la globalizzazione, ed internamente i processi aziendali rivisitati “in continuum” e le integrazioni coi propri sistemi aziendali, rappresentano al tempo stesso un’opportunità che può aprire nuovi scenari, ma anche e soprattutto una sfida all’ottimizzazione del processo di vendita.

Di seguito vi elenchiamo alcune funzionalità, in risposta a problematiche comuni, che permettono di rendere realmente efficace il processo di vendita online, sia in ambito B2B che in ambito B2C:

  • “Alcuni dei miei prodotti non sono vendibili in certe zone o certi mercati (o per certi clienti). “

L’e-commerce deve dare: visibilità differenziata dei prodotti per zone o mercati configurabile da back-office con regole e vincoli personalizzabili.

  • “Non ho solo listini multipli ma devo gestire offerte per periodi di validità, canvas, promozioni, prezzi personalizzati per singoli clienti.”

L’e-commerce deve dare: gestione delle promozioni, prezzi particolari configurabili e/o importabili direttamente dalle regole impostate nel sistema gestionale.

  • “ l’ordine deve seguire una serie di conferme da diversi uffici (vendite, controllo crediti, amministrazione, …) prima di essere approvato. “

L’e-commerce deve dare: tutto il flusso del documento ordine, dal suo inserimento, deve essere controllato tramite workflow programmabile con cambi di stato e notifiche agli uffici preposti – in sintesi, ogni documento all’ufficio giusto nel momento giusto, sempre sotto controllo.

  • “ Dati tecnici visibili per tipologia di cliente/utilizzatore (agente, customer service, dealer, cliente grossista, cliente finale). “

L’e-commerce deve dare: ogni linea, categoria o singolo prodotto possono essere arricchiti di attributi, dati tecnici allegati, immagini alternative, filmati. Ciascuno di questi elementi può essere reso visibile o non disponibile a seconda della tipologia dell’utente. L’e-commerce sconfina verso un vero e proprio PDM (Product Data Management) per gestire qualsiasi dato del prodotto.

  • “ ho bisogno di creare 2 canali, un B2B ed un B2C con un unico strumento, direttamente integrato al mio sistema informativo. “

L’e-commerce deve dare: una piattaforma e-commerce che proponga sia flussi B2C che B2B, con integrazione automatica e diretta verso il sistema gestionale. Nessun intervento umano per l’inserimento e l’aggiornamento dei dati nel sistema informativo.

Per saperne di più su questo ed altri argomenti legati al mondo dell’e-commerce, partecipa ad uno dei nostri appuntamenti:

[Evento gratuito] E-commerce: da necessità a strumento che genera valore aggiunto, la tua azienda è pronta alla sfida?

[Evento gratuito] VERONA: 11 Ottobre 2018, dalle 14.30, clicca qui per dettagli e registrazione.

[Evento gratuito] MILANO: 18 Ottobre 2018, dalle 14.30, clicca qui per dettagli e registrazione.

Informazioni sull'autore:
Federica Bergamin
Mi definisco una persona positiva, mi occupo di amministrazione e web marketing, curo i contenuti proposti da Mox Solutions, mi relaziono tutti i giorni con i clienti. Sono una persona solare e sempre in movimento. La corsa è la metafora della mia vita, dalla dinamicità del mio lavoro al mio più grande hobby, il running. Grande appassionata di blog, marketing e social media.